Proscioglimento in sede penale e danni civili in una giurisprudenza sulmonese. Circolazione nell’etere di foto di minori: genitori danneggiati per carenza educativa e genitori danneggiati per violazione reputazionale

Di Giuseppe Cassano -

The prejudice suffered due to the photo published on the social network following the transfer of the photo to a third party by telephone falls on both the child and the parents of her. According to a guideline of the court of Sulmona April 9, 2018, n. 103 the damage suffered by the child are attributable to the category of noneconomic damage under Art. 2059 cc as they affect a variety of interests related to the sphere of the person and therefore protected by art. 2 Cost. The damages suffered by the parents of the victim also and above all damage the reputation in relation to the social resonance in the environment of life and work of the parents, to which is added also a further financial damage and correlated to the non-economic damage.

Il pregiudizio subito a causa della pubblicazione della foto osè sul sociale network a seguito della cessione della foto a terzi mediante dispositivo telefonico ricade sia sulla minore che sui genitori di lei. Secondo un orientamente del tribunale di Sulmona 9 aprile 2018, n. 103 i danni subiti dalla minore sono ascrivibili alla categoria dei danni non patrimoniali ex art. 2059 c.c. in quanto ledono una pluralità di interessi attinenti alla sfera della persona e dunque protetti dall’art. 2 Cost. (dal diritto alla riservatezza all’onore, all’immagine e persino all’inviolabilità della corrispondenza). I danni subiti dai genitori della vittima ledono anche e soprattutto la reputazione in relazione alla risonanza sociale nell’ambiente di vita e di lavoro dei genitori, cui si aggiunge anche un danno patrimoniale ulteriore e correlato a quello non patrimoniale.